Alessandro Barbero – La Battaglia di Adrianopoli (378)

Una battaglia che segnò per sempre le sorti dell’Impero Romano: Adrianopoli (oggi Edirne in Turchia) fu il teatro di una sanguinosa battaglia che ebbe luogo presso l’omonima città, nella provincia romana della Tracia, il 9 agosto 378 e che ebbe un esito infausto per l’esercito romano. Le truppe guidate dall’imperatore d’Oriente Valente vennero annientate dalla federazione germanica dei Goti.

Nell’anno 376, folti gruppi di Goti, sotto la minaccia degli Unni, chiesero all’imperatore d’Oriente Valente il permesso di oltrepassare il fiume Danubio: Valente, nonostante alcune perplessità, accettò la richiesta, vista la necessità dell’impero di mano d’opera per coltivare le terre incolte e per rinfoltire le file dell’esercito. La trattativa, secondo alcune fonti antiche, prevedeva alcune condizioni, come la conversione dei Goti al cristianesimo, il completo disarmo e la consegna di bambini come ostaggi; i Goti avrebbero ricevuto in cambio terre da coltivare e sussidi dall’Impero. Ma la cosa non andò bene, in quanto la gran confusione in cui si svolsero le operazioni di trasbordo impedì una precisa stima dei Goti, probabilmente sottostimata dalle autorità imperiali. La disorganizzazione non consentì ai Romani di provvedere efficacemente al disarmo dei guerrieri, mentre dilagava la corruzione da parte dei funzionari imperiali che rivendevano, all’insaputa dell’imperatore, le derrate stanziate per le popolazioni appena accolte ma ridotte ben presto alla fame.

Ripercorriamo con il prof. Alessandro Barbero gli eventi di quei giorni, i momenti critici e le trattative attimo dopo attimo, attraverso il racconto e le testimonianze giunte sino a noi. (Tratto da RadioDue)

Video: conferenza di Alessandro Barbero

Share