All’interno di una delle aule del Tempio della Pace, voluto da Vespasiano e terminato sotto Domiziano, era ospitata una grande pianta marmorea della città di Roma, nota come Forma Urbis Severiana (conosciuta anche come Forma Urbis Romae), risalente all’epoca di Settimio Severo, negli anni compresi tra il 203 e il 211. La pianta misurava circa 43 x 61 piedi romani, corrispondenti a 13 m in altezza per 18 di larghezza, ed era composta da circa 150 lastre rettangolari di marmo, articolata in undici file con disposizione secondo un ordine ad alternanza verticale ed orizzontale. L’incisione delle lastre avvenne dopo il fissaggio delle stesse sul muro mediante dei ganci di sostegno. (altro…)