Glossario dei termini architettonici

Abaco
Il coronamento del capitello della colonna negli ordini architettonici classici; per analogia, la parte terminale superiore di mensole e balaustre.
Abside
Struttura architettonica a pianta semicircolare, poligonale, lobata e spesso trilobata, fornito di volte a catino; di norma essa si apre sul fondo della navata centrale della chiesa, ma la si trova anche sul fondo della navata laterale o del transetto.
Acanto
Il fregio caratteristico del capitello corinzio.
Acroterio
In architettura elemento decorativo o figurativo che corona il vertice e gli angoli del frontone nei templi antichi.
Aggetto
Quanto aggetta, cioè sporge in fuori dalla verticale di un muro o di altra superficie.
Acropoli
Cittadella posta a cavaliere di una città a scopi difensivi, congiunti a significati religiosi o civili.
Altare
Mensa sopra la quale i sacerdoti di rito cattolico celebrano la messa,e i pastori di alcune confessioni protestanti, la cena o comunione; l’altare cattolico, costituito nei primi secoli della nuova fede dal sarcofago stesso di un martire contiene ancora oggi la reliquia di un martire, inserita nella parte centrale della mensa, cui di solito si riduce l’altare cosi detto portatile.
Ambone
Tribuna rialzata che nelle prime chiese cristiane serviva alla lettura dell’epistola e del vangelo; oggi, il podio con leggio da cui si tengono le letture bibliche e le omelie.
Arcata
Ogni elemento di una successione architettonica di struttura ad arco o a volta.
Architrave
Elemento architettonico orizzontale, atto a collegare tra loro pilastri o colonne sottostanti e a sostenere a sua volta le strutture sovrastanti scaricandone il peso sui piedritti.
Archivolto
Motivo ornamentale tendente a sottolineare esteticamente il valore architettonico dell’arco.
Arco
Struttura architettonica portante, a sezione longitudinale superiormente curvilinea, di solito con gli estremi impostati su stipiti o colonne.
Atrio
Locale d’ingresso di un edificio di un complesso architettonico, di notevoli dimensioni.
Aula
Sala destinata a riunioni importanti e solenni come quelle dei parlamenti e dei tribunali.

 

Balaustrata
Parapetto costituito da una serie di balaustri allineati su un basamento continuo e sormontati da una cimasa anch’essa continua.
Bastione
Opera di difesa, consistente in un terrapieno contenuto in un perimetro poligonale di grosse muraglie, la cui parete esterna risulta costituita da una parte inferiore a scarpata e da una superiore verticale.
Bugna
Ciascuna delle pietre a superficie scabra e variamente sbozzata, lasciate ad arte sporgenti da un muro a scopo ornamentale o di rivestimento.
Bugnato
Motivo o rivestimento ornamentale architettonico costituito da bugne.
Bifora
Finestra il cui vano risulta diviso, sulla fronte esterna, in due luci uguali, mediante una colonnina caratteristica di molta architettura medioevale e quattrocentesca.
Basilica
  1. Edificio pubblico degli antichi romani, a pianta rettangolare, diviso da colonne o pilastri in tre o cinque navate si apriva sul foro della città, ed era centro di riunioni e di affari, e luogo dove si amministrava la giustizia.
  2. Antico tempio cristiano a più navate, derivato dall’architettura classica e conformato alle esigenze del culto.
Bassorilievo
Rappresentazione plastica su un piano di fondo, con un rilievo inferiore al normale.
Battistero
Edificio sacro, annesso o vicino o una cattedrale, destinato allo svolgimento del rito del battesimo.

 

Cantoria
Tribuna riservata ai cantori nella chiesa. Il complesso dei cantori nel coro di una chiesa.
Capitello
Elemento terminale della colonna, variamente foggiato o adorno di motivi stilizzati, sul quale poggia l’arco o l’architrave.
Capriata
Struttura portante di coperture di edifici, di forma triangolare, in legno ,ferro o cemento armato ; preferita in passato per la sua semplicità , nelle chiese francescane.
Cariatide
Figura solitamente femminile scolpita, usata in luogo di colonna o di pilastro a sostegno di membrature architettoniche.
Cartella
Tabella per lo più racchiusa in una incorniciatura architettonica usata come elemento decorativo o come sede di iscrizione o epigrafi.
Cartoccio
Motivo ornamentale di cornici, stemmi a forma di un rotolo di carta stilizzato.
Cassettone
In architettura, motivo di riquadri geometrici ricavati nei soffitti piani e nelle volte in muratura.
Cattedra
Seggio riservato al pontefice o ai vescovi che assistono a funzioni solenni.
Caulicolo
Il motivo angolare costituito dagli steli e dai viticci stilizzati dal capitello corinzio, o di altre strutture o decorazioni simili.
Ciborio
Piccola edicola, di solito a forma di tempietto posta al centro dell’altare, ove si custodisce l’ostia consacrata.
Cippo
Monumento funerario o commemorativo o segno di confine costituito da un tronco di colonna o di pilastro.
Colonna
Elemento architettonico verticale di sezione circolare composto di base, fusto e capitello serve da sostegno a strutture sovrastanti, ma può avere anche solo funzioni meramente decorative o monumentali.
Conchiglia
Elemento decorativo che ne imita la configurazione.
Concio
Blocco di pietra lavorato in forme tali da consentire in suo impiego come elemento costituito da strutture murarie.
Contrafforte
Elemento strutturale diretto a neutralizzare le spinte di una costruzione di notevole sviluppo verticale o comunque soggetta a notevoli sollecitazioni orizzontali; tipico dell’architettura gotica e delle opere fortificate.
Cordone
Qualsiasi elemento architettonico cilindrico sia in funzione di modanatura sia con scopi pratici.
Cornice
Qualsiasi elemento che delimiti una superficie, una figura, un‘immagine, contribuendo in qualche modo ad accentuarne le caratteristiche, puntualizzandovi l’attenzione.
Cornucopia
Vaso a forma di corno, riempito di frutti e coronato d’erbe e di fiori, simbolo della prosperità e della fertilità e attributo iconografico delle divinità ritenute dispensatrici dei beni della terra.
Coro
Spazio riservato ai coristi nelle chiese, per lo più circondato di stalli artisticamente scolpiti e intarsiati.
Crepidine
In architettura, basamento, zoccolo, gradino.
Cupola
Superficie ottenuta dalla rotazione intorno a un asse verticale di un arco di circonferenza o di parabola, impostata su un tamburo e raccordata a una sottostante pianta poligonale mediante pennacchi.
Cuspide
Coronamento, di forma triangolare o piramidale, di un edificio o di una sua parte.
Canone
Schema cui si riferisce come regola di un arte: canone pittorico.
Corte
Spazio scoperto entro il perimetro di un fabbricato, per dar luce e aria agli ambienti che vi si affacciano.
Chiostro
Cortile porticato all’interno di un edificio monastico.
Cimasa
Cornice aggettante di un edificio o anche di un mobile.
Corinzio
Uno degli ordini architettonici classici, caratterizzato da capitello foglie di acanto e volute angolari, fusto della colonna scanalato, base con toro e gola.
Compluvio
Linea di incontro di due falde del tetto disposte a dietro concavo.
Catena
Nelle costruzioni edili sinonimo di tirante. Trave orizzontale di collegamento dei puntoni della capriata.
Cornicione
Cornice di coronamento degli edifici, talvolta pregevole, per impiego tecnico e artistico.
Costolone
Nervatura di una volta o di una cupola, aggettante sull’intradosso.
Cripta
Complesso di ambienti sotterranei, per lo più a carattere sacro o cimiteriale.
Crociera
Sistema di irrigidimento di una struttura costituito essenzialmente da due elementi intersecanti in diagonale.

 

Dentello
Motivo architettonico costituito da una serie di parallelepipedi sporgenti, caratteristico della sottocornice aggettante ionica, ripreso anche nell’architettura medioevale e rinascimentale.
Doccione
Ciascuno degli elementi di grossi tubi o condotti, per lo scarico o il deflusso di acque, foggiati in modo da potersi innestare l’uno sull’altro.
Dorico
Uno degli ordini architettonici greci, caratterizzato dalla colonna, priva di base, leggermente rastremata, scanalata, e culminante nel capitello che consta di un bacino ricurvo (echino) sovrastato da una lastra quadrata (plinto o abaco).
Displuvio
Lo spigolo (anche colmo) formato dall’incontro di due spioventi del tetto, lungo il quale si divide lo scolo delle acque di pioggia.
Deambulatorio
Ambiente di passaggio posto lateralmente a uno o più locali di un edificio. Nelle chiese medioevali, il prolungamento delle navate laterali che fiancheggia oltre il transetto, lo sviluppo del coro, e sul cui lato esterno di solito si aprono una serie di cappelle radiali.

 

Edicola
Piccola costruzione, a se stante e a forma di tempietto, o annessa a un edificio maggiore e per lo più costituita da due colonne con sovrapposto frontone, eretta per ornamento e protezione di statue, immagini sacre o epigrafi.
Elice
Ciascuna delle volute minori di un capitello corinzio.
Embrice
Tipo di laterizio forma di lastra trapezoidale, con gli orli dei due lati rialzati, impiegato per la copertura dei tetti.
Entasi
Lieve ingrossamento della parte centrale della colonna, usata dagli architetti greci e dall’età barocca per avviare all’effetto ottico che, a una certa distanza, fa apparire una colonna cilindrica, più stretta verso la metà.
Epistilio
L’architrave delle antiche costruzioni greche, interamente costituito dai blocchi di marmo poggianti orizzontalmente sulle colonne.
Erma
Scultura su pilastro, raffigurante una testa umana e l’inizio del busto.
Esedra
Ambiente a forma di emiciclo, destinato a luogo di ritrovo e di conservazione all’interno degli edifici pubblici e privati dell’età romana.

 

Fornice
La luce di un arco o di una porta ornamentale.
Frontone
Coronamento architettonico a forma di triangolo, a volte spezzato, oppure ad arco ribassato.
Fregio
Elemento decorativo per lo più ad andamento orizzontale, la parte della trabeazione situata tra l’architrave e la cornice.
Festone
Elemento decorativo, per lo più a forma di arco, fatto con rami, foglie e fiori e con stoffa a carta colorata, per ornare sale, porte, finestre o strade, in occasione di feste o solennità.Fregio decorativo costituito dalla raffigurazione pittorica o scultoria di motivi tolti dalla flora o ad essa ispirati.
Foglia
Motivo ornamentale che imita una foglia.
Formella
Motivo ornamentale inquadrato in una cornice oppure lastra decorata per pavimentazione o per applicazione ornamentale.

 

Girale
Elemento decorativo costituito da motivi vegetali svolgentisi in forma di voluta.
Glifo
Qualsiasi incavo a sezione tonda o angolare, come ornamento architettonico.
Goccia
Elemento di motivo ornamentale a forma di foglia. Nell’architettura dorica, ciascuno dei piccoli cilindri o coni pendenti, in corrispondenza a ogni triglifo.
Gocciolatoio
Membratura della cornice classica, aggettante rispetto alle modanature della sottocornice e più o meno arretrata rispetto al profilo del bordo esterno.
Guglia
Acuto e slanciato elemento piramidale di coronamento architettonico, di regola, sovrapposto a strutture di sviluppo verticale.
Gronda
Il margine del tetto, sporgente dal muro esterno di un edificio.
Guscio
Motivo architettonico costituito da una modanatura elementare a profilo concavo.

 

Ionico
Uno degli ordini architettonici classici caratterizzato dalla colonna con base, fusto scanalato, capitello a due volute laterali, e dalla trabeazione con architrave diviso in tre zone sovrapposte con fregio a dentelli o figurato a rilievo, e con cornice.
Impluvio
Il caratteristico bacino rettangolare ricavato nel pavimento dell’atrio nell’antica casa italica e romana per la raccolta dell’acqua piovana.
Ipostilo
Di ambiente, per lo più di notevoli dimensioni, il cui tetto, piano, sia sostenuto da più file di colonne.
Iconostasi
Struttura divisoria adorna di immagini sacre, interposta fra il presbiterio e le navate, nelle chiese di rito greco.
Imoscapo
Estremità inferiore del fusto di una colonna.
Intercolonnio
Lo spazio compreso fra due colonne contigue.

 

Lacunari
Sinonimo di cassettone.
Lanterna
Elemento terminale della cupola costituito da un tiburio a pianta centrale.
Lesena
Risalto verticale di una parete muraria con funzione decorativa in genere ripetuto ritmicamente.
Lunetta
In architettura, superficie di muro lasciata libera dall’imposta semicircolare di un unghia; anche l’opera pittorica posta al suo interno.
Loggia
Edificio, comunicante direttamente con l’esterno su uno o più lati mediante un a serie di arcate, talvolta portico rustico.
Loggiato
Organismo architettonico costituito da uno o più ambienti largamente aperti verso l’esterno.

 

Mascherone
Raffigurazione plastica a scopo ornamentale, della parte anteriore di una testa, di solito ingrandita o deformata in modo grottesco, spesso a proposito di persone dal viso deforme o eccessivamente truccato.
Matroneo
Loggiato interno che corre al di sopra delle navate minori in varie basiliche paleocristiane, originariamente riservato alle donne.
Mensola
Elemento architettonico incastrato a un estremo e libero all’altro avente funzione di sostegno di sovrastanti strutture in oggetto.
Merlo
Ciascuno degli elementi terminali costruiti in serie, a scopo di riparo o anche solo decorativo, sul coronamento delle opere fortificate e di vari edifici, pubblici e privati, del passato.
Metopa
Nella trabeazione degli edifici dorici, porzione di muro, sovrastante è epistilio e compresa fra due aperture, destinate all’inserzione delle travi e da cui si originavano i triglifi.
Modanatura
Elemento sagomato di una membratura di un’architettura o di un oggetto di arredamento, costituito da segmenti a profilo rettilineo o curvilineo.
Modiglione
Ciascuna delle mensole che sostengono la corona della cornice, nell’ordine corinzio, da questo passato poi ad altri tipi di fregi e cornici.
Modulo
In architettura la misura convenzionale che stabilisce il rapporto fra le varie parti di un edificio e un a unità di base di misura.
Mutulo
Motivo ornamentale dell’ordine architettonico dorico, consistente in un risalto sporgente al di sotto del gocciolatoio, in corrispondenza dei triglifi e del metope del fregio.

 

Nartece
Forte della basilica paleocristiana riservata ai catecumeni e ai penitenti, costituita da un vestibolo, per lo più addossato all’esterno della facciata o, meno spesso, ricavato all’interno.
Navata
Ciascuno degli spazi in cui risulta longitudinalmente diviso un organismo architettonico, la cui copertura gravi, altre che sui muri perimetrali, anche su strutture intermedie costituite da sostegni allineati.
Nicchia
Incavo nello spessore di un muro, di solito in forma di semicilindro verticale terminante in alto con un quarto di sfera: elemento decorativo, per lo più destinato ad accogliere una statua.

 

Obelisco
Monumento commemorativo dell’antico Egitto, poi imitato anche in Etiopia, di forma quadrangolare allungata. Terminante con punta piramidale; spesso installato come elemento decorativo in aree monumentali delle moderne città.
Ogiva
Ciascuna delle nervature diagonali a rilievo delle volte a crociera romaniche e gotiche; anche, l’arco a sesto acuto caratteristico dell’architettura gotica.
Ordine
In architettura organismo costruttivo a formale continuo(ordine dorico corinzio) sinonimo di “successione” o “di serie” .
Ovolo
In architettura ornato di modanatura aggettanti consistenti in una serie di elementi ovoidali accompagnati da motivi semi-lunati concentrici, alternati ad altri a forma di dardo.

 

Palio
Drappo ricamato, di velluto o di seta, che si dava nel medioevo come premio al vincitore di gare pubbliche, spec. di natura equestre; per est. la gara stessa al termine della quale veniva dato come premio questo drappo.
Parasta
In architettura, pilastro, generalmente completo di base e capitello incorporato alla parete, ma sporgente rispetto a questa.
Peduccio
In architettura la pietra sporgente su cui posano gli archi e gli spigoli delle volte di un edificio.
Pergamo
Assume il senso di “edificio posto in alto” e infine “ballatoio”, “pergamo”.
Picchiotto
Arnese metallico pendente alla porta di casa, usato per bussare. Chiamato anche battaglio, battente.
Piedestallo
Base di pietra o di altro materiale su cui posa una colonna, una statua o un piedistallo di marmo.
Pigna
Ornamento architettonico che ha una forma simile a quella della pigna.
Pilastro
Specie di colonna quadrangolare sulla quale si reggono le volte e gli e gli archi degli edifici.
Pluteo
Nelle chiese cristiane, pannello di pietra o di altro materiale, scolpito a basso rilievo, che recinge elementi particolari (l’altare, la cantoria). Nelle biblioteca, scansia o leggio che accoglie antichi manoscritti di grande valore.
Portale
Grande porta monumentale, lavorata o scolpita.Nel linguaggio della tecnica, struttura costituita da due piedritti e da ciò che essi sostengono.
Predella
Tavolato rialzato da terra su cui poggia un mobile. Ampio gradino in legno dell’altare. Base dipinta, più di rado scolpita, di un polittico o di una pala di altare. Sgabello di legno su cui, sedendo, si appoggiano i piedi.
Pronao
1. Parte anteriore di un tempio greco.
2. Parte anteriore di un edificio sacro o profano, antico o moderno.
Protiro
1. Corridoio d’ingresso nell’antica casa romana.
2. Piccolo portico sostenuto da due colonne o pilastri, messo ad ornamento del portale d’ingresso nelle chiese cristiane; è frequente nell’architettura romanica.
Pulvino
Elemento architettonico a forma di tronco do piramide, situato, in funzione di accordo, tra il capitello di una colonna e gli archi sovrastanti; è tipico dell’architettura bizantina.
Puteale
Parapetto di un pozzo, fatto per lo più di marmo e ornato di fregi.
Peristilio
1. Nelle antiche case greche e romane, cortile interno circondato su tutti i lati da portici.
2. Colonnato o portico che circonda esternamente un edificio o ne orna la facciata anteriore.
Portico
Quella parte architettonica a piano terra di una costruzione, aperta e sostenuta da pilastri o colonne; ha funzione sia decorativa, che di riparo.
Presbiterio
La parte della chiesa immediatamente antistante l’altare.
Proscenio
La parte anteriore del palcoscenico.

 

Quadrifoglio Foglia anomala composta da quattro foglioline che talvolta, compare nel trifoglio e viene ritenuta portafortuna.

 

Rampante
In architettura arco che si imposta su due basi, situate a diversa altezza.
Rastremazione
In architettura, leggero e progressivo assottigliamento, dall’alto verso il basso, di colonne, pilastri, piedritti e muri.
Ratta
In architettura estremità inferiore o sommità rastremata di una colonna.
Rosone
In architettura, sorte di finestra circolare che abbellisce la facciata delle chiese e serve a dar luce all’interno.
Rostro
1. Nell’antichità classica, sporgenza uncinata di bronzo, a forma di becco, fissata alla prima delle navi da guerra per speronare le navi nemiche.
2. In architettura elementi ornamentali.

 

Sarcofago
Area sepolcrale, ornata di pitture, e, più spesso, di bassorilievi o altri motivi scultori;fu usata, come tomba o monumento del defunto, nell’antichità e nel medioevo.
Scudo
Arma di difesa che i guerrieri dell’antichità e del medioevo portavano infilati al braccio sinistro per riparare dai colpi inferti dagli avversari.In araldica, stemma gentilizio, blasone.
Serraglia
In architettura, chiave di volta.
Spicchio
Ciascuna delle parti in cui si è soliti tagliare corpi rotondi o sferici.
Stallo
1. Ciascuno di quei seggi, forniti di braccioli e schienale, allienati stabilmente gli uni agli altri in saloni dove solitamente si tengono solenni congressi o nel coro delle chiese.
2. Sede, dimora.
Stilobate
1. Basamento della colonna, negli antichi templi greci.
2. Basamento del tempio che sul davanti prende forma di gradinata.
Strombatura
Sagomatura obliqua del muro in corrispondenza di porte o finestre.
Scena
In un teatro, piattaforma (di solito sopralevata rispetto alla platea) completa di frontale e di quinte, su cui recitano gli attori.
Sostruzione
Parte di un edificio costruita sotto terra.

 

Tabernacolo
Tempietto al centro dell’altare dove è custodita l’eucarestia è detta anche “cibario”.
Tempio
Edificio consacrato a una divinità per il culto religioso.
Tiburio
In architettura, struttura esterna per lo più ampia poligonale, che copre, in molte chiese, la cupola.
Timpano
In architettura, parte triangolare del frontone di edifici dell’antichità classica. In seguito assunse forme diverse, per lo più con andamento curvilineo, divenendo pura membratura ornamentale in uso specifico nel barocco e nel XlX sec.
Tondino
In architettura, modanatura, detta anche “astragalo” e “bastoncino” che separa il fusto della colonna del capitello e dalla base.
Toro
Modanatura architettonica in forma di lista semicilindrica o comunque a profilo semicircolare, variamente denominata; per esempio è detto “astragalo” nell’architettura classica, “cordone” se isolato e di spessore notevole, “bastoncino, tondino” se sottile e unito ad altre modanature.
Trabeazione
In architettura, membratura orizzontale posta a congiunzione di colonne, di piedritti, di pilastri; nell’architettura classica costituita di architrave, fregio e cornice.
Transenna
Parapetto di marmo o di legno, lavorato con trafori e intarsi, che, nelle antiche basiliche cristiane, separa il presbiterio dalla navata.
Transetto
La navata trasversale delle chiese.
Trifora
Finestra che ha tre aperture separate da colonnine.
Triglifo
Nel fregio dorico, decorazione architettonica, consistente in un gruppo di tre scanalature verticali che si ripetono ad intervalli regolari.
Trilobo
In architettura, di arco che presenta sotto la linea dell’intradosso tre archetti in funzione ornamentale.
Tamburo
In architettura, ciascun elemento cilindrico del fusto di colonne non monolitiche; nelle cupole, quella parte della struttura a pareti verticali, a pianta circolare o poligonale, su cui poggia la volta.
Tribuna
Luogo elevato da dove anticamente parlavano al popolo gli oratori greci. Palco in legno o gradinata in muratura lungo le fasce laterali di una piazza.

 

Volta
Copertura di soffitti che ha forma variamente ricurva.
Vestibolo
Nell’architettura romana, cortile davanti alla porta di casa, chiuso da tre lati.
Voluta
Ornamento architettonico del capitello ionico.

 

Zooforo In architettura, fregio ionico situato fra l’architrave e la cornice, decorato con figure di animali.

©CapitolivmSj
To translate the page, copy the URL and paste it in the Google Translate form

Share