Le divinità del pantheon romano

Le divinità principali e più antiche, venerate nel periodo arcaico, erano Giove (Iupiter), Marte (Mars) e Quirino (Quirinus). Secondo la tradizione romana fu Numa Pompilio, secondo sovrano di Roma, a predisporre la sistemazione e l’iscrizione delle norme religiose in un unico corpo legislativo (Commentarius), allo scopo di definire otto ordini religiosi: Curiati, Flamini, Celeres, Vestali, Auguri, Salii, Feziali e Pontefici.

Pantheon romanoDurante il periodo repubblicano vennero assorbite le divinità etrusche, come Venere (Turan), e quelle greche. Nel processo di assimilazione degli dei greci, diverse divinità ne acquisirono sia l’aspetto che la personalità; altre invece furono del tutto importate, come ad esempio i Dioscuri. La politica religiosa dello stato romano non solo non vietava l’introduzione di culti stranieri, ma tendeva a favorirla, a patto che questi non diventassero un pericolo sociale.

Nel periodo alto imperiale si avvertì la prima crisi della religione a Roma. Le cause del declino furono molteplici. Da molto tempo, infatti, culti del medio oriente (Cibele, Iside, Mitra) si andavano inserendo nel panorama religioso ed erano ormai una certezza del mondo romano. Una caratteristica di questo periodo è quella del culto imperiale: partendo dalla divinizzazione di Giulio Cesare e di Augusto, all’assimilazione del culto del princeps con quello del Sole, la qualificazione monarchico-divina di Diocleziano.

Nel III secolo fece la sua comparsa una nuova forma religiosa che si andava diffondendo sempre più: il Cristianesimo. La nuova religione si affermò come culto di stato, decretando la fine del paganesimo romano nel IV e V secolo, con la chiusura dei templi e la proibizione delle professioni diverse da quella Cristiana. L’imperatore Teodosio con l’editto di Tessalonica, proclamò ufficialmente il Cristianesimo religione di Stato, reprimendo in diverse forme il Paganesimo.

Le principali divinità romane:

Rel. greca Rel. romana Ruolo
Ade Plutone Dio degli Inferi, dei morti, delle ricchezze della terra(gemme e metalli) e delle ombre
Afrodite Venere Dea dell’amore, della bellezza, dell’arte, della danza e del desiderio
Apollo Apollo Dio della luce, dell’ordine, della musica, della poesia, dell’arte, della scienza medica e della divinazione
Ares Marte Dio della guerra violenta, della violenza, degli spargimenti di sangue, della rabbia, della natura, del tuono, della fertilità e della pioggia
Artemide Diana Dea della caccia, della natura selvaggia e della luna
Atena Minerva Dea della strategia militare, della saggezza, della guerra “giusta”, delle arti utili, dei mestieri e dell’ingegno
Borea Aquilone Dio del vento del Nord
Crono Saturno Titano del tempo, padre di Zeus, Poseidone, Ade; prima che venisse ucciso dai tre figli era il capo dei “titani”
Demetra Cerere Dea della terra, del grano, delle piante e della fertilità
Dioniso Bacco Dio del vino, dell’impulso vitale, delle feste, dei banchetti, dell’ebbrezza e del piacere
Ebe Iuventas Dea della gioventù
Ecate Trivia Dea della magia
Efesto Vulcano Dio del fuoco, dei fabbri, della metallurgia, della tecnologia e delle armi appena forgiate
Elio Sole Dio che rappresenta il sole
Enio Bellona Divinità della guerra
Eolo Eolo Dio dei venti
Eos Aurora Dea dell’alba
Era Giunone Dea del matrimonio e della famiglia, delle unioni e dei legami
Eracle Ercole Dio del salvataggio
Erinni Furie Dee dell’ordine morale
Eris Discordia Dea della discordia, del caos e del male
Ermes Mercurio Dio dei mercanti, dei ladri, dell’eloquenza, degli inganni e messaggero degli dei
Eros Cupido Dio dell’amore fisico e del desiderio sessuale
Estia Vesta Dea del focolare domestico. Le sacerdotesse avevano il compito di custodire il fuoco sacro, acceso all’interno del tempio a lei dedicato
Euro Volturno Dio del vento del sud-est e della siccità
Gea Tellus Dea della terra
Geras Senectus Dio dela vecchiaia
Ilizia Lucina Dea delle partorienti
Ipno Somnus Dio del sonno e padre dei sogni
Leto Latona Madre dei gemelli divini Artemide e Apollo
Moire Parche Dee del destino
Morfeo Sogno Dio dei sogni e primo figlio di Ipno
Nemesi Nemesi Dea della vendette e dell’equilibrio
Nike Vittoria Dea della vittoria
Persefone Proserpina Dea della primavera, regina dei morti
Poseidone Nettuno Dio del mare, degli esseri che abitano il mare, dei naviganti e dei terremoti
Rea Opi Dea dell’abbondanza
Tartaro Tartaro Dio dell’abisso
Thanatos Mors Dio della morte
Tiche Fortuna Dea della fortuna e del caso
Zefiro Favonio Dio del vento dell’Ovest
Zeus Giove Re e padre degli Dei e delle dee, sovrano dell’Olimpo e Dio del cielo e dei fulmini e dei fenomeni atmosferici

romangods

Facevano parte del pantheon romano moltissimi dei e dee, sia locali che assimilate da altre culture, man mano che l’impero si andava espandendo. Come possiamo osservare ogni aspetto della vita quotidiana dei Romani era scandito da una divinità con le proprie capacità e caratteristiche.

  • Abeona, Dea protettrice delle partenze
  • Adeona, protettrice del ritorno
  • Abundanzia, che garantiva abbondanza del raccolto
  • Acca Larentia, Dea Lupa della sessualità
  • Aera Cura, Dea degli inferi trasformatrice
  • Aeternitas, Dea dell’eterno ritorno della natura
  • Aio Locutio, Dio che avverte dei pericoli
  • Alemonia, Dea che nutre il piccolo nel ventre materno
  • Angerona, Dea che allontana angosce e preoccupazioni
  • Angizia, Dea delle erbe medicinali
  • Anna Perenna, Dea dell’anno nuovo
  • Annona, per il buon raccolto ma pure per accantonare le scorte per la prossima semina
  • Antevorta, Dea del futuro e delle nascite
  • Apollo, Dio del sole, della musica, della poesia e profezia, che occorre però tenersi buono affinché scongiuri le peste
  • Apru, per aprire le corolle dei fiori e proteggere i giardini
  • Attis, Dio della vegetazione annuale
  • Aurora, che portava l’alba e la dolcezza
  • Averna, Dea del passaggio della morte
  • Bacco, per il vino e l’ebbrezza. Trasferito dalla chiesa su San Bacco
  • Barbatus, Dio che faceva crescere la barba
  • Bellona, Dea della guerra, che combatteva a fianco dei romani
  • Bona Dea, per le buone messi
  • Bubona, Dea protettrice dei buoi
  • Caco, Dio del fuoco, che però proteggeva dagli incendi
  • Caelestis, protettrice delle nascite
  • Caelus, dio dei cieli
  • Cama, Dea preveggente dei neonati
  • Candelifera, Dea della luce e delle candele
  • Cardea custodiva i cardini delle porte, preposta anche ai punti cardinali
  • Carna, assiste le viscere dei bambini e il cuore e il fegato degli adulti
  • Catillus, protettore delle macine
  • Cerere, per la crescita del grano. Regnava con la figlia Persefone
  • Chorus, Dio dei canti e dei cantori
  • Cibele, Dea della terra e dell’agricoltura
  • Cinxia, Dea dei matrimoni, anche Dea della luna
  • Clementia, Dea che ispira la clemenza nei giudizi o sui vinti
  • Cloacina, Dea protettrice delle cloache e degli scarichi dei bagni. Era uno degli appellativi di Venere, protettrice delle acque urbane e degli acquedotti
  • Cocles, Dea che aiuta a vedere i ciechi e chi non vede alcune cose, anche in senso morale
  • Concordia, portatrice di pace e di armonia nella comunità
  • Consus, Dio dei silos e della mietitura. Proteggeva il grano dai topi
  • Copia, Dea della ricchezza e abbondanza, di messi e di denaro
  • Cuba, Dea che faceva addormentare i bimbi alla sera
  • Cunina, Dea che cullava il bimbo facendolo addormentare o calmare
  • Cupido, per innamorasi e innamorare
  • Dia, divinità della natura e dei campi
  • Diana, per la caccia e la benedizione dei campi, ma anche Dea luna
  • Dioscuri, Dei del soccorso e della medicina
  • Disciplina, Dea della disciplina militare dei soldati
  • Domiducus, Dio che accompagna la sposa a casa
  • Dria, Dea della pudicizia
  • Duellona, Dea delle sfide e delle battaglie, invocata anche per le battaglie politiche
  • Ebe, per le libagioni e l’arcobaleno che segna la fine dei temporali. Anche invocata per mantenere la giovinezza
  • Ecate, Dea della luna dell’oltretomba e della magia, patrona delle streghe e dei sortilegi
  • Edusa, Dea che dava appetito ai bimbi
  • Epona, per i cavalli e i muli
  • Esculapio, per la medicina
  • Ercole, il semi-Dio delle 12 fatiche
  • Erumna, Dea che salva dall’incertezza e dall’inquietudine
  • Fabulinus, Dio che favoriva la prima parola ai bambini
  • Falacer, Dio difensore del bestiame da bestie feroci e malattie
  • Fama, Dea degli onori, della fama e delle dicerie, ovvero delle diffamazione
  • Fauna, Dea degli animali femmine e del biflauto
  • Fauno, Dio degli animali maschi e del flauto
  • Febris, per scongiurare la febbre
  • Felicitas, Dea del successo e della ricchezza
  • Ferentina, Dea delle acque pescose
  • Feronia, per le bestie feroci
  • Fides, Dea della fedeltà allo stato
  • Flora, per portare la primavera
  • Fons, per mantenere pure a abbondanti le acque dei pozzi
  • Fornax, protettrice dei forni
  • Fortuna, per la buona fortuna e per conoscere il futuro
  • Fulgora, Dea che ripara dai fulmini
  • Furrina, Dea delle acque correnti
  • Giano, custodiva la porta di casa, il primo e l’ultimo dell’anno
  • Giove, per i temporali e i fulmini
  • Giove Dolicheno, protettore dei soldati
  • Giunone Curitis, Dea della guerra
  • Giunone Lucina, portava i neonati alla luce
  • Giunone Pronuba, perché le donne trovassero marito
  • Giunone Opigena, che assisteva le partorienti
  • Giunone Cinxia, che modellava il cinto da sposa
  • Giunone Iterduca, che accompagnava la sposa nella nuova casa
  • Giunone Caprotina, che assicurava la fecondità, delle donne delle bestie e dei campi
  • Giunone Moneta, che protegge la Zecca e la prosperità dei Romani
  • Giunone Sospita, la salvatrice degli uomini, e dei soldati
  • Giustizia, Dea della giustizia e dei processi
  • Giuturna, proteggeva le fonti e le fontane
  • Honos, Dea dell’onore e della moralità
  • Igea, che curava i malati
  • Imporcitor, Dio della terza aratura
  • Insitor, Dio degli innesti
  • Intercidona, Dea che sovrintende al taglio del cordone ombelicale
  • Irene, Dea della pace
  • Iside, Dea dell’illuminazione, della maternità e protettrice dei naviganti in mare
  • Iuventas, Dea degli adolescenti
  • Lari, per i campi e la casa
  • Laverna, protettrice dei ladri
  • Liber, Dio della fecondità dei campi
  • Libera, Dea della fertilità, per campi e animali
  • Libitina, Dea dei cadaveri e dei funerali
  • Lynpha, Divinità dell’acqua e della fonte
  • Lua, Dea della velocità, per soldati e atleti
  • Luna, Dea della notte, della caccia e della morte
  • Luperco, Dio che allontana i lupi
  • Maia, annunciatrice e portatrice della primavera
  • Mala Fortuna, se seguita scongiura la mala sorte
  • Mana Genita, Dea della nascita e della morte dei bambini
  • Mani, Dei degli inferi
  • Mania, Dea della morte
  • Marte, che protegge i giovani maschi e i soldati
  • Mater Matuta, madre delle messi della vita e della morte
  • Mefite, per i bagni in acque sulfuree
  • Mena, protettrice del mestruo femminile
  • Mens, Dea della mente e della coscienza
  • Mercurio, per i buoni affari e per gli oratori
  • Messor, Dio della mietitura
  • Minerva, per la guerra condotta con intelligenza
  • Minerva medica, per la cura delle malattie
  • Mitra, Dio del sole e dei soldati romani
  • Morfeo, divinità del sonno profondo
  • Murcia, Dea della bellezza velata
  • Muse, Dee di tutte le arti
  • Mutinus, Dio della fertilità delle donne
  • Nenia, protettrice dei canti funebri
  • Nettuno, Dio del mare e delle corse dei cavalli
  • Noctis, Dea della notte
  • Nona, protettrice delle donne in stato interessante
  • Nemesi, dea della giustizia e della vendetta
  • Nerio, che ispira la ferocia in battaglia
  • Occator, Dio protettore del contadino che spiana la terra con l’erpice
  • Opi, Dea della maturazione del grano
  • Orbona, Dea degli orfani
  • Pales, per la prosperità dei pascoli e la protezione dei pastori
  • Partula, Dea che faceva partorire presto le donne
  • Pax, Dea della pace
  • Palaemon, protettore del ritorno in porto delle navi
  • Paventia, Dea che evitava o curava dagli spaventi
  • Persefone, Dea degli inferi per il buon trapasso
  • Pietas, Dea del rispetto dello stato, della famiglia e degli Dei
  • Pomona, per i frutti autunnali
  • Populonia, Dea delle nascite
  • Poros, Dio dell’ingegno che produce abbondanza
  • Portuno, protettore dei porti
  • Postvorta, Dea che protegge i neonati in posizione cefalica
  • Potina, Dea che proteggeva la bevuta del bimbo perché non si strozzasse
  • Plutone, Dio degli inferi e delle ricchezze
  • Priapo, Dio della sessualità virile
  • Prorsa, Dea che si prende cura della posizione del neonato durante il travaglio
  • Proserpina, Dea degli inferi
  • Rederator, Dio protettore della seconda aratura
  • Robiga, Dea delle selve
  • Roma, la Dea protettrice dell’Urbe e dell’Impero
  • Romolo e Quirino, Dio del popolo Romano e delle Curie
  • Rumina, che protegge il latte materno
  • Sabazio, Dio della fertilità
  • Salacia, Dea del mare
  • Salus, per la salute
  • Sanco, Dio dei giuramenti
  • Saturno, per la semina
  • Securitas, Dea che dava la sicurezza
  • Sentia, Dea che aiutava a pensare
  • Silvano, Dio dei boschi
  • Silvana, Dea delle selve
  • Soranus, Dio della morte e del termine
  • Spes, la Dea della speranza
  • Statulino, Dio che curava la posizione eretta dei bimbi
  • Sterculo, Dio della concimazione dei campi
  • Stimula, che infondeva passioni alle donne
  • Strenua, che porta doni ai bambini
  • Subruncinator, Dio della sarchiatura
  • Summanus, Dio dei tuoni notturni
  • Tacita, Dea dei segreti e del silenzio
  • Tana, Dea della magia e della trasformazione
  • Tellumo, Dio della crescita delle piante
  • Tellus, Dea della terra e della natura
  • Tempesta, per sedare le tempeste, soprattutto in mare
  • Termine, divinità dei confini
  • Tiberino, Dio del Tevere
  • Urano, Dio del cielo
  • Vacuna, Dea del riposo dopo il lavoro
  • Vaticano, Dio che apre la bocca al neonato consentendogli il primo vagito
  • Veiove, protettore dei boschi sacri
  • Venere, per l’amore e la sessualità
  • Venilia, Dea delle profondità marine
  • Vercvactor, Dio della prima aratura
  • Verminus, Dio che allontanava dal bestiame la malattia verminale
  • Veritas, Dea della verità e la lealtà
  • Vertumno, per la maturazione dei frutti
  • Vesta, Dea del focolare
  • Vica Pota, Dea della conquista e della vittoria
  • Victoria, Dea della vittoria in guerra
  • Viduus, Dio che separa l’anima dal corpo dopo il trapasso
  • Virbio, Dio della caccia
  • Virginia, Dea della politica
  • Viriplaca, Dea che placa la rabbia degli uomini
  • Virtus, Dea del coraggio in battaglia
  • Volturno, Dio del vento
  • Volupia, Dea del piacere sessuale e delle prostitute
  • Vulcano, per i fabbri.

©CapitolivmSj
To translate the page, copy the page URL and paste it in the Google Translate form


Share