Una città come Roma affascina per i suoi monumenti, certamente, ma anche per tutte quelle aree, in particolare archeologiche e sotterranee, completamente sconosciute al grande pubblico. Alcune di esse sono vicinissime a luoghi visitati da milioni di persone all’anno e, caso più unico che raro, sono anche capaci di darci un esempio di perfetta sinergia tra pubblico e privato. Tutte queste caratteristiche sono racchiuse nella cosiddetta Città dell’Acqua, un’area archeologica e sotterranea che si trova a neanche 200 metri di distanza dalla Fontana di Trevi. Noi oggi possiamo ammirare questo straordinario esempio di stratificazione grazie al contributo di una società privata che, scavando nella zona, ha rinvenuto qualcosa di davvero eccezionale. L’azienda in questione è la Cremonini S.p.A, che ancora oggi gestisce privatamente il sito. La Cremonini S.p.A dunque si preoccupa della tutela e della valorizzazione di questo piccolo angolo di Roma, uno scorcio romano e sotterraneo capace di meravigliare per le numerose sorprese presenti. (altro…)