“E così morì Agrippa, che si era distinto come il più nobile dei suoi contemporanei e che aveva beneficiato dell’amicizia di Ottaviano, guardando al maggior vantaggio possibile per il suo princeps e per la res publica”. Con le parole di Cassio Dione si può riassumere l’intera vita di Agrippa, un uomo che cambiò la Storia ed il volto di Roma sostenendo il suo amico (ed in seguito parente), Ottaviano Augusto. Un uomo che, nonostante aver vissuto all’ombra della popolarità e immagine di Augusto, fu fondamentale per la politica del princeps che fondò una nuova Urbe ed istituì una nuova organizzazione statale. È lecito affermare che, senza Agrippa, Augusto non sarebbe mai riuscito ad arrivare così in alto e lontano, soprattutto grazie alle spiccate doti militari dell’amico che permisero ad Ottaviano di vincere le numerose guerre si presentarono sul suo cammino. E, di conseguenza, è facilmente comprensibile come senza Agrippa la storia di Roma sarebbe stata notevolmente diversa. (altro…)