Di Tito si ricordano soprattutto le sue imprese militari, su tutte la conquista definitiva di Gerusalemme, la sua ascesa al trono, sino a diventare il decimo imperatore romano, la sua dinastia in quanto membro della Gens Flavia, nonché il suo buon governo (almeno secondo le fonti storiche). Sta di fatto che, in generale, forse Tito Flavio Cesare Vespasiano Augusto, questo il nome completo, fu anche sfortunato perché governò per poco meno di tre anni, dal 79 all’81 d.C., un triennio connaturato anche da tragedie e da eventi storici di non facile soluzione. In generale però una frase di Svetonio può, in parte, riassumere l’eredità storica di Tito: “Amore e delizia del genere umano”. (altro…)